Passeggiata a Cortina: il giro di Pian de ra Spines

Una facile escursione per tutta la famiglia a Cortina d'Ampezzo.

Lunghezza: 7 chilometri
Dislivello: 30 metri
Durata: 1 ora e mezza circa
Vedi la mappa su Google Maps
Scarica il nostro percorso in GPX

Il giro di Pian de ra Spines è una passeggiata molto rilassante che può essere fatta da chiunque, anche mamme con la carrozzina o persone poco allenate. La lunghezza del percorso è di circa 7 chilometri, con un dislivello praticamente nullo. La durata dell'escursione è di circa un'ora e mezza, con partenza ed arrivo nello stesso punto, in quanto si tratta di un percorso ad anello. Il giro di Pian de ra Spines è molto piacevole in qualsiasi periodo dell'anno, ma grazie alla vicinanza all'acqua ed al boschetto che copre gran parte del tragitto, è molto indicato specialmente in estate. Nonostante si tratti di un'escursione molto semplice, vi consigliamo comunque di leggere i consigli che abbiamo scritto per chi non è abituato a camminare in montagna.

Prendete l'automobile e dirigetevi fino al parcheggio del Parco delle Dolomiti BellunesiPiccola icona mappa, nei pressi dello chalet Spiaggia Verde CortinaPiccola icona mappa. Se non riuscite a trovare un posto libero, è possibile tornare indietro fino alla località FiamesPiccola icona mappa, dove è presente un ampio parcheggio e da cui raggiungerete facilmente il punto di partenza. Trattandosi di un percorso ad anello, al ritorno riuscirete a recuperare la macchina senza nessun problema. Proseguendo nella lettura capirete come raggiungere il punto di partenza del giro di Pian de ra Spines dall'hotel Fiames.

Dal parcheggio del Parco dirigetevi verso la casetta delle informazioni turistiche ed attraversate la stanga. La gita che ci interessa fare oggi è il giro di Pian de ra Spines, da non confondere con il giro di Pian de Loa che parte sempre da questo punto e di cui parleremo in una guida specifica su Pian de Loa e le cascate di Fanes. Proseguite in direzione del sentiero 10, ma al primo incorcio ricordatevi di prendere la strada verso sinistra, quella del sentiero 417, che scende in direzione del fiume.

Il parcheggio del parco delle Dolomiti a Cortina
Il parcheggio del parco.
La casetta del punto informazioni del parco di Cortina
La casetta del punto informazioni.
Incrocio di Pian de Loa
Incrocio di Pian de Loa.

Se avete preso la direzione giusta, vi troverete su una strada molto carina, che costeggia il fiume Boite e si conclude dopo un centinaio di metri su un ponte in legno, con delle cascatelle molto carine ed un panorama incantevole, perfetto per scattare qualche fotografia e rilassarsi un po' con il suono dell'acqua che scorre.

La strada verso Pian de Ra Spines
La strada verso Pian de Ra Spines.
Ponte sul fiume Boite con le cascatelle
Ponte sul fiume Boite.
Panorama di Pian de Ra Spines dal fiume Boite
Panorama da Pian de Ra Spines.

Dopo il ponte la strada gira verso sud e si inoltra nel bosco lungo il sentiero 417 per quasi tre chilometri, senza mai incontrare salite o discese significative. Durante la passeggiata incontrerete una strana colonna in legno contenente dei libri. Si tratta del progetto Librasción, un mix tra le parole Libro e Brasción (albero in ampezzano) che descrive una libreria nel bosco, dove è possibile leggere un libro immersi nella natura. Questo simpatico progetto è nato dalla collaborazione tra gli alunni del Liceo Artistico di Cortina, le Regole d'Ampezzo e l'Ulda (Unione Ladini d'Ampezzo). Il concetto è lo stesso del book crossing, potete quindi portare i vostri libri da aggiungere alla collezione.

Continua dopo la pubblicità...

Dopo esservi fermati a dare un'occhiata ai libri, proseguite lungo la strada pianeggiante. Ad un certo punto, guardando verso sinistra, vedrete lo Chalet Spiaggia Verde Cortina, dove potrete fermarvi a fine escursione per bere o mangiare qualcosa ed eventualmente noleggiare un lettino per prendere un po' di sole e rilassarsi sulle rive del Boite. Personalmente non abbiamo mai provato il ristorante, ma qualche volta abbiamo approfittato del servizio bar, sempre abbastanza affollato nei periodi di alta stagione.

La strada di Pian de Ra Spines
La strada di Pian de Ra Spines.
Lo Chalet Spiaggia Verde Cortina
Lo Chalet Spiaggia Verde Cortina.
La strada che costeggia il fiume Boite
Strada che costeggia il Boite.

Proseguendo nel tragitto è possibile scorgere alcune installazioni artistiche fatte dai ragazzi dell'istituto d'Arte di Cortina d'Ampezzo e posizionate nel bosco, con delle tabelle descrittive. Queste installazioni fanno parte del progetto Sentieri d’arte 2020 patrocinato dal Comune di Cortina d’Ampezzo ed organizzata dall'Associazione Controcorrente e le Regole d’Ampezzo, con il supporto di Quiqueg agenzia creativa di Milano.

Continua dopo la pubblicità...

Se state facendo il giro di Pian de ra Spines nel periodo fra i primi di maggio e la fine di luglio, osservate bene il bordo della strada. Con un po' di attenzione potrete vedere una delle molte orchidee che crescono spontaneamente nel territorio di Cortina, specialmente nelle zone di Botestagno e Pian de Loa, molto vicino a dove state passeggiando. Si tratta di fiori abbastanza piccoli, che vale la pena osservare da vicino. Fate attenzione, in quanto si tratta di specie protette, di cui è giustamente vietata la raccolta.
Dopo circa 50 minuti dall'inizio della passeggiata, sulla sinistra, vedrete comparire il Camping OlympiaPiccola icona mappa, facilmente riconoscibile dalle roulotte e dalla recinzione. Una volta superato il campeggio, dovete svoltare verso sinistra ed aggirarlo, per poter tornare verso Fiames e la Spiaggia Verde.

Orchidea spontanea del parco delle Dolomiti Ampezzane
Orchidea spontanea del parco.
Uno dei sassi dipinti dagli alunni dell'istituto d'arte
Uno dei sassi dipinti.
La strada verso il Camping Olimpia
La strada verso il Camping Olimpia.

Le strade per tornare alla vostra automobile sono molte e di facile localizzazione, dovrete infatti restare sulla porzione di terreno cirscoscritta tra la strada statale ed il fiume Boite, ritornando dalla direzione in cui siete venuti. Come prima cosa attraversate il ponte che dal campeggio attraversa il fiume, dirigetevi quindi verso sinistra, fino a raggiungere l'aviosuperficie Fiames. Da qui potete proseguire lungo il tragitto dell'ex aeroporto, oppure dirigervi verso l' Hotel FiamesPiccola icona mappa, dove potete approfittare del servizio bar e ristorante per mangiare qualcosa o rinfrescarvi un po'.
Una volta fatta l'eventuale pausa, proseguire oltre l'albergo per immettervi nella strada del Bosco dell'Impero, facilmente individuabile dalla fermata dell'autobus e delimitata da una stanga. Da qui la strada prosegue per circa 30 minuti in direzione della spiaggia verde, costeggiando l'ex aeroporto di Fiames e successivamente il fiume Boite.

Il ponte sul Fiume Boite
Il ponte sul Fiume Boite.
La stange sul bosco dell'impero
La stange sul bosco dell'impero.
Il bosco dell'impero, a fiames vicino a Cortina
Il bosco dell'impero, a fiames.

La gita si conclude dopo circa 1 ora e mezza con il ritorno al parcheggio del Parco delle Dolomiti Bellunesi, dove potrete recuperare la macchina e tornare verso Cortina. Prima di concludere però vorremmo raccontarvi brevemente la storia dell'aeroporto di Fiames.

L'aeroporto di Cortina è stato costruito durante la prima guerra mondiale come pista di fortuna per gli aerei impegnati nel conflitto bellico ed è stato successivamente ampliato nel 1962, in seguito al boom turistico delle olimpiadi del 1956 a Cortina. L'aeroporto non è mai stato molto utilizzato e la chiusura è avvenuta in seguito ad un incidente aereo che, nel 1976, ha portato alla morte di sei persone, tra cui alcuni consiglieri del comune di Cortina.
Nel corso degli anni ci sono stati diversi tentativi di riapertura dell'aeroporto, ma nessuno di questi ha portato a nulla di fatto. Ad oggi l'aviosuperficie è utilizzata principalmente come eliporto o per l'organizzazione di qualche evento particolare, come ad esempio corsi di guida sicura organizzati da Audi o le Feste Campestri di Cortina. Saltuarimanete è possibile vedere anche qualche modellino di aeroplano volate sui cieli di Fiames, quindi non spaventatevi se sentite dei rumori strani durante la vostra passeggiata.

Sperando che il giro di Pian de Ra Spines vi sia piaciuto, prima di salutarvi, vi ricordiamo che potete leggere tutte le gite che abbiamo selezionato a Cortina d'Ampezzo cliccando qui, oppure in alternativa leggere tutti gli articoli che abbiamo scritto su Cortina d'Ampezzo cliccando qui.

Se volete ringraziarci del lavoro svolto, potete darci un piccolo aiuto o un contributo visitando la pagina Sostienici.
Se, invece, volete suggerire una modifica, nella sezione Info e Contatti troverete i diversi modi per raggiungerci.