I musei delle Regole di Cortina

I musei delle Regole di Cortina d'Ampezzo sono tre: due si trovano nelle sale dell'Alexander Hall ed uno si trola alla "Ciasa de ra Regoles". Comprendono una collezione artistica, una collezione di fossili e la storia di Cortina.

Indice rapido (Click per espandere) Introduzione Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi Museo paleontologico Rinaldo Zardini Museo etnografico delle Regole Conclusione

Introduzione

I Musei delle Regole di Cortina d'Ampezzo sono tre musei che hanno lo scopo di mantenere viva la cultura e la tradizione. Sono stati creati dalle Regole d'Ampezzo, che sono un'istituzione secolare di tutela del territorio, delle terre da pascolo e dei boschi. Per semplificare al massimo potremmo dire che i territori di Cortina sono di proprietà di tutte le famiglie originarie e che nessuno può vendere, costruire o speculare su queste terre senza che la maggioranza degli aventi diritto di voto sia d'accordo. Questo ha permesso di tutelare il territorio. Le regole si occupano inoltre di mantenere in ordine i boschi ed il parco e di molte altre cose, fra cui la creazione dei tre musei di cui parleremo nel nostro articolo.

Il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldiè una pinacoteca allestita all'interno della Ciasa de Ra RegolesPiccola icona mappa, mentre il museo paleontologico Rinaldo Zardini ed il Museo etnografico delle Regole d'Ampezzo sorgono all'interno della Alexander HallPiccola icona mappa, un centro polifunzionale che sorge a pochi passi dal centro di Cortina e può facilmente essere raggiunto a piedi.

...hanno lo scopo di mantenere viva la cultura e la tradizione in Ampezzo...

A volte, all'interno di queste strutture, è possibile assistere a diverse mostre temporanee, spesso curate da ospiti di Cortina, come ad esempio Vittorio Sgarbi. Nei prossimi capitoli vedremo i tre musei nel dettaglio.

La pinacoteca Rimoldi a Ciasa de ra Regoles, a Cortina d'Ampezzo
Fossili e piccozza al museo paleontologico Rinaldo Zardini
Il piano interrato del museo delle regole di Cortina all'Alexander Hall
(1) La pinacoteca Rimoldi a Cortina. (2) Museo paleontologico Zardini. (3) Il museo delle Regole d'Ampezzo.
Continua dopo la pubblicità...

Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi

Il Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina d'Ampezzo è stato inaugurato nel 1974 a seguito della donazione da parte della vedova di Mario Rimoldi, la signora Rosa Braun, della sua collezione a favore delle Regole d'Ampezzo. La raccolta vanta oltre 300 opere ed è considerata una delle collezioni private tra le più complete per l'arte moderna italiana.

All'interno del museo sono esposte le opere di molti grandi pittori italiani di inizio 900, tra cui artisti del calibro De Chirico, Morandi, Martini, De Pisis e Rotella. L'esposizione è sviluppata su due piani e vi permetterà di osservare molte grandi opere, come ad esempio il Soldatino francese di de Pisis, le Bagnanti di Carena, la Zolfara di Guttuso, il San Sebastiano di Garbari, l'Ile des charmes di Savinio ed il Concerto di Campigli, ma non solo. Senza dubbio vale la pena fare una visita, sia che siate amanti dell'arte o semplici curiosi, anche perchè il costo del biglietto è davvero molto onesto. Per maggiori informazioni, vi invitiamo a visitare il sito ufficiale.

Ra Ciasa de ra Regoles, dove le opere sono esposte
Gli interni della Ciasa de ra Regoles
Le sale del Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi a Cortina
(1) Ra Ciasa de ra Regoles di Cortina. (2) Interni della Ciasa de ra Regoles. (3) Le sale del Museo d'Arte.

Rimoldi, oltre che un grande appassionato di arte, è stato un personaggio molto importante per la crescita culturale di Cortina d'Ampezzo, sia come sindaco che come presidente di diverse associazioni culturali. La vita del mecenate è stata molto intensa, dopo aver intrapreso gli studi alberghieri a Roma si appassiona di arte e comincia a collezionare opere di artisti emergenti, come De Pisis. In seguito all'ampliamento della sua collezione si è creato molti agganci nell'ambiente artistico dell'epoca, che lo hanno portato ad organizzare diverse mostre a Cortina, prima a carattere provinciale e successivamente nazionale.

Oltre che un grande appassionato d'Arte, Rimoldi è stato anche il gestore dell'Hotel Corona di Cortina, dove negli anni ha ospitato diversi artisti, tra cui ad esempio Giorgio De Chirico, che qui ha trascorso le vacanze di Natale, componendo anche una poesia per l'occasione. La vita di Rimoldi è stata senza dubbio molto piena, se volete approfondire ulteriormente vi invitiamo a leggere la pagina di wikipedia a lui dedicata.

Una sedia dove godere dell'Opera
Due statue esposte nel museo ampezzano
Alcune opere esposte nel Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi
(1) Una sedia dove godere dell'Opera. (2) Due statue esposte al museo. (3) Alcune opere esposte a Cortina.
Continua dopo la pubblicità...

Museo paleontologico Rinaldo Zardini

Il museo paleontologico Rinaldo Zardini nasce nel 1974 grazie ad una donazione di Rinaldo Zardini, che con la sua generosità ha voluto far conoscere la geologia e la paleontologia delle Dolomiti Ampezzane a tutti gli appassionati. Si tratta di una delle più grandi collezioni di fossili esistenti, oltre 20.000 esemplari apparteneti ad oltre 1000 specie diverse. Al suo interno è possibile vedere moltissimi reperti di creature marine che vivevano in queste zone, prima che la deriva dei continenti facesse affiorare le Dolomiti fuori dall'acqua. I fossili sono perfettamente conservati e, nella maggiro parte dei casi, è possibile vedere anche i più piccoli particolari, come i buchi con cui le spugne assorbivano l'acqua, nonostante siano passati quasi 250 milioni di anni.

Studiosi da ogni parte del mondo vengono a visitare questa collezione, che negli anni è stata ulteriormente ampliata grazie all'aiuto di molti appassionati, che hanno portato alla luce nuovi esemplari, tra cui anche fossili vegetali. Tra i materiali più significativi sono esposti numerosi esemplari di megalodon bivalve, organismi adattati a un ambiente marino tropicale poco profondo, come quello che ha preceduto la genesi delle Dolomiti. Un piccolo spazio è dedicato anche alla ricostruzione dello studio personale di Zardini.

Esposizione al Museo paleontologico Rinaldo Zardini di Cortina d'Ampezzo
Ricostruzione dello studio di Rinaldo Zardini a Cortina
Vista in dettaglio del fossile bivalve megalodon
(1) Esposizione al Museo paleontologico. (2) Ricostruzione dello studio di Rinaldo. (3) Dettaglio del megalodon bivalve.

La collezione è una delle più complete d'Europa e comprende anche alcuni esemplari di ambre vecchie milioni di anni. Non tutti sanno infatti che Cortina è una zona molto interessante dal punto di vista paleontologico e che sotto le Tofane sono stati scoperti gli invertebrati conservati in ambra più antichi del mondo. Essi hanno oltre 230 milioni di anni e sono precedenti di 100 milioni di anni a qualsiasi altro ritrovamento globale di invertebrati preservati nell'ambra, che è stata infatti chiamata Ampezzoa triassica. Questa scoperta è stata davvero molto importante per i geologi di tutto il mondo, qui potete leggere un articolo del Corriere che ne parla.

Il Museo paleontologico Rinaldo Zardini è senza ombra di dubbio un bellissimo museo, ideale anche per chi ha bambini, in quanto è possibile osservare la storia del mondo con i propri occhi, e non sui libri di testo. Sinceramente vogliamo consigliare la visita di questo museo a tutti, in quanto è oggettivamentee interessante, anche al di fuori dell'ambiente puramente didattico. Per maggiori informazioni, vi invitiamo a visitare il sito ufficiale.

Vogliamo concludere questo capitolo con due parole su Rinaldo Zardini. Nasce a Cortina nel 1902 ed è sempre stato un grande appassionato di fotografia. La sua attività naturalistica inizia con la catalogazione della biodiversità ampezzana, di cui è possibile vedere i risultati nella prima stanza del museo. Nel 1935 Rinaldo raccolse il suo primo fossile e, da allora, continuò a raccogliere, studiare e catalogare diversi reperti fossili, arrivando ad avere una delle collezioni più grandi e di maggiore interesse al mondo. Gran parte degli studi di Zardini si concentrano sulle faune cassiane dell'era ladinica (una delle epoche del triassico). Approfondì così bene l'argomento dei fossili che i suoi libri sono diventati testi di studio universitari. L'opera più importante di Zardini fu senza dubbio "Fossili di Cortina: atlante degli Echinodermi" del 1973. Il contributo di Zardini nel mondo dei fossili fu così ampio che gli venne conferita la laurea honoris causa in scienze naturali e venne nominato ricercatore affiliato dello Smithsonian Institute di Washington.

Le sale del Museo paleontologico Rinaldo Zardini di Cortina
Alcuni fossili esposti in una vetrina
Un dettaglio dei fossili più piccoli, ma non meno interessanti
(1) Le sale del Museo paleontologico. (2) Fossili esposti in una vetrina. (3) Un dettaglio dei fossili più piccoli.
Continua dopo la pubblicità...

Museo etnografico delle Regole d'Ampezzo

Il Museo Etnografico Regole d'Ampezzo è un'esposizione dedicata alla cultura e alla tradizione ampezzana, che nei secoli è stata preservata grazie alla presenza sul territorio delle Regole Ampezzane, La sede del museo è stata ricavata in una storica segheria alla veneziana, il cui edificio è stato completamente ristrutturato.

Il museo è strutturato su tre piani, ognuno dedicato ad un tema specifico, ma tutti riguardanti la storia di Cortina e delle Regole d'Ampezzo. Si passa dalla vita in montagna, con gli approfondimenti sulle varie attività silvo pastorali, alle ingegnose soluzioni adottate per garantire a tutte le famiglie uno stile di vita equo. Per secoli (ed in parte ancora oggi) la vita in Ampezzo era regolamentata dai Laudi, ovvero lo statuto dei diritti dei partecipanti alle Regole, detti Regolieri, che possono disporre gratuitamente, ad esempio, di legname per le riparazioni di casa o per il fuoco. Oltre a questo è possibile vedere alcune delle opere di artigianato locali, come la filigrana d'argento o i vestiti tradizionali.

La vista dall'esterno del Museo etnografico delle Regole d'Ampezzo a Cortina
Una sala del museo di Cortina
Abiti storici ampezzani esposti al museo etnografico delle regole
(1) Il museo etnografico dall'esterno. (2) Una sala del museo di Cortina. (3) Alcuni abiti storici ampezzani.

Tra tutte le curiosità, le due che più hanno attirato la nostra attenzione sono state senza dubbio la ricostruzione del Castello di Bodestagno, un tempo roccaforte fondamentale per la difesa d'Ampezzo ed oggi presente solo come ruderi ed il Fucile Gilardoni, un'arma letale ad aria compressa costruita da Bartolomeo Gilardoni, orologiaio e fabbro di Cortina d’Ampezzo, che ha causato non pochi grattacapi all'esercito di Napoleone.

Oltre a queste due opere è comunque possibile vedere altri reperti singolari, come ad esempio il meccanismo originale dell'orologio del campanile di Cortina, oltre che altri interessanti strumenti della vita in Ampezzo, corredati da fotografie e schede descrittive molto interessanti. Sicuramente il Museo Etnografico delle Regole d'Ampezzo è una visita d'obbligo per chiunque sia affascinato dalla vita nel passato, che era senza dubbio meno facile della nostra, e da chiunque abbia a cuore la tradizione ampezzana. Per chi volesse maggiori informazioni, è possibile visitare il sito ufficiale del museo, da cui è possibile accedere anche al canale youtube del museo etnografico, dove vengono descritte alcune delle opere esposte.

La sala del museo con il meccanismo dell'orologio del campanile di cortina
Una ricostruzione del castello di Bodestagno
Alcune fotografie d'epoca, esposte nel museo etnografico
(1) La sala con il meccanismo dell'orologio. (2) Ricostruzione del castello di Bodestagno. (3) Alcune fotografie d'epoca.
Continua dopo la pubblicità...

Conclusione

Sicuramente i tre musei delle regole d'Ampezzo sono delle ottime alternative per trascorrere qualche ora a Cortina d'Ampezzo, specialmente se il tempo non è dei migliori. Si tratta inoltre di luoghi molto educativi, specialmente per le nuove generazioni e per i ragazzi che stanno formando la propria coscienza e il proprio intelletto. I musei sono inoltre centri per la comunità che permettono di conoscere culture diverse dalla propria. I musei sono fonte d'ispirazione per tutti e consigliamo di visitarne almeno uno ogni volta che andate in vacanza in un luogo nuovo.

Sperando che la pagina sui musei delle Regole di Cortina d'Ampezzo vi sia piaciuta, prima di salutarvi, vi ricordiamo che potete leggere altri interessanti articoli su cosa fare e cosa vedere a Cortina sulla nostra home page.

Se volete ringraziarci del lavoro svolto, potete darci un piccolo aiuto o un contributo visitando la pagina Sostienici.
Se, invece, volete suggerire una modifica, nella sezione Info e Contatti troverete i diversi modi per raggiungerci.