Sentiero Montanelli: da Piè Tofana a Cianderòu

Una passeggiata lungo il Sentiero Montanelli, fino al panorama dei Crepe de Cianderòu. Il sentiero è stato intitolato al noto giornalista, che amava percorrerlo durante le sue vacanze a Cortina.

Percorso

Punto di partenza: Piè Tofana
Destinazione: Crepe de Cianderòu
Lunghezza totale: 6 chilometri
Dislivello positivo: 150 metri
Andata e ritorno: Circa 1 ora e mezza

Mappa

Mappa della gita

Introduzione

Scopriamo insieme la splendida passeggiata Montanelli, tanto cara al famoso giornalista da essere intitolata in suo nome. Da qui, con una breve e suggestiva camminata adatta a tutti, raggiungeremo i Crepe de Cianderòu, un meraviglioso punto panoramico su Cortina d'Ampezzo.

Panorama di Cortina dai Crepe de Cianderòu, con Faloria e Antelao

La gita può essere trovata nella Cartina Tabacco 003 - Cortina d'Ampezzo e Dolomiti Ampezzane e segue i Sentieri 410 e 409. In alternativa, potete seguire il nostro tracciato su Google Maps cliccando qui .

Tabacco 1:25.000 Carta 003

Questa è una camminata molto semplice e piacevole, che può essere percorsa anche da bambini ed anziani. Non presenta forti dislivelli, e anche se va detto che l'ultimo tratto è un attimo più impegnativo, è assolutamente facoltativo.

Fai una donazione
Aiutaci a restare senza pubblicità con una piccola offerta.Icona cuoreDona ora!

Escursione

Questa splendida passeggiata verso i Crepe de Cianderòu ha inizio nel parcheggio adiacente al Ristorante Piè Tofana . Si tratta di un'area di sosta gratuita e molto spaziosa, se non sapete come raggiungerla, ne parliamo dettagliatamente nel capitolo "come arrivare" . In alternativa, cliccandone il nome, si aprirà la posizione su Google Maps.

Dopo esservi lasciati il locale alle spalle troverete un cartello in legno con diverse destinazioni, quello che andremo a seguire è il sentiero 409 verso Cianderòu ed il Passo Posporcora.

Cartello passeggiata Montanelli

La prima parte del percorso segue la stessa strada sterrata che porta a Col Druscié. Questo tratto è aperto al traffico, cercate di restare sul bordo della carreggiata.

Strada boschiva in direzione di Col Tondo

Dopo qualche centinaio di metri troverete un incrocio, prendete la strada verso sinistra seguendo le indicazioni per la Passeggiata Montanelli.

Cartello indicante la Passeggiata Montanelli

Dopo esservi inoltrati per qualche metro nel bosco, sulla sinistra, apparirà un piccolo lago, perfettamente regolare, con una simpatica forma "a cuoricino". Questo bacino d'acqua si chiama Po' Druscié ed è un lago artificiale utilizzato per l'innevamento delle piste da sci.

Lago artificiale Po' Druscié sulla passeggiata Montanelli

Nonostante, nelle giornate più calde, la tentazione di fare un tuffo sia forte, considerate che l'acqua è freddissima e la balneazione è vietata.

Dopo aver visitato il peculiare specchio d'acqua, tornate sul sentiero principale e proseguite nel bosco per altri quindici minuti.

Sentiero boschivo da Piè Tofana a Posporcora

Una volta raggiunto l'incrocio chiamato de ra Forzèla, chiaramente identificabile dalla panchina e dalla segnaletica verticale, proseguite dritto lungo la strada principale. Da qui, mentre vi dirigete verso Cianderòu, il Sentiero 410 cambia nome e diventa Sentiero 409.

Panchina sul sentiero Indro Montanelli

In questo punto il panorama comincia ad aprirsi, regalando degli splendidi scorci sulla valle d'Ampezzo. La Passeggiata Montanelli prosegue pianeggiante fino ad incontrare una panchina che si affaccia sul bellissimo panorama. Potreste essere portati a credere che si tratti della rinomata Panchina Montanelli, dove lo scrittore amava fermarsi, ma non è così. Per raggiungerla vi aspetta ancora mezz'ora di camminata.

Panorama dalla passeggiata Montanelli

Una volta raggiunta la tabella in legno del Parco naturale delle Dolomiti d'Ampezzo dovrete proseguire a sinistra lungo il Sentiero 409, in direzione dei "Tonde de Cianderòu". Da qui la pendenza cambia, diventando una salita, mai troppo impegnativa.

Tabella del Parco naturale delle Dolomiti d'Ampezzo

Dopo circa venti minuti di salita costante, raggiungerete il punto panoramico dei Crepe de Cianderòu. Su questo suggestivo panorama si affaccia la Panchina Montanelli, dove il famoso scrittore trovava ispirazione, osservando le vette immortali delle Dolomiti.

Panchina sui Crepe de Cianderòu

Da questo punto di osservazione potrete vedere Cortina, il monte Faloria, il monte Antelao, il Col Druscié ed, in lontananza, il paese di San Vito di Cadore, a circa tredici chilometri di distanza.

Panorama di Cortina dai Crepe de Cianderòu, con Faloria e Antelao

Questa gita offre il meglio di sé in autunno, quando gli alberi cambiano colore preparandosi all'inverno, ma la Passeggiata Montanelli è molto bella anche in primavera ed in estate. Le fotografie di questa pagina sono state scattate ad inizio novembre, quando il "foliage" raggiunge il suo apice.

Panorama di Col Druscié e Pocol da Cianderòu

Qui termina la nostra escursione. Per tornare al parcheggio di Piè Tofana vi sarà sufficiente ripercorrere la stessa strada che avete fatto per l'andata.

Se la Passeggiata Montanelli vi è sembrata troppo breve, esistono due strade molto panoramiche, con cui potete allungare ancora un po' la strada del ritorno.

La prima deviazione che potreste prendere è quella verso Lago Ghedina , un piccolo laghetto montano, molto suggestivo, dove sorge l'omonimo ristorante.

Alla fine della discesa da Cianderòu, troverete nuovamente l'incrocio con il tabellone del Parco naturale delle Dolomiti d'Ampezzo. Da qui girate verso sinistra, lungo il Sentiero 410. La durata della deviazione, tra andata e ritorno, è di circa cinquanta minuti.

Sentiero 410 50 minuti

La seconda possibilità è quella di visitare Col Druscié, il piccolo colle che avete potuto osservare dal belvedere di Cianderòu.

Qui sorgono l'osservatorio astronomico , lo scambio della nuova cabinovia verso le Tofane, oltre all'omonimo ristorante ed un Wine Bar targato Masi , una cantina che rappresenta meravigliosamente i vini veneti.

Per raggiungere Col Druscié dovrete tornare quasi all'inizio della passeggiata, vicino al parcheggio di Piè Tofana. Da qui proseguire lungo la strada segnalata dal cartello Col Druscié - Sentiero 411.

Dopo circa quindici minuti di salita, lungo il tracciato delle piste da sci, raggiungerete il colle, dove potrete godere di un bellissimo panorama di Cortina, oltre che rinfrescarvi in uno dei locali qui presenti, che sono aperti solo in alta stagione. La durata della deviazione, tra andata e ritorno, è di circa trenta minuti.

Sentiero 411 30 minuti

Se, al contrario, vi sembra di aver camminato abbastanza, potreste valutare di fermarvi a Piè Tofana e mangiare nell'omonimo ristorante, conosciuto per la sua cucina ricercata, molto vicina a quella di un ristorante stellato. Potete trovare maggiori informazioni sul sito ufficiale del Ristorante Baita Piè Tofana . Considerate che il livello è molto alto.

Fai una donazione
Aiutaci a restare senza pubblicità con una piccola offerta.Icona cuoreDona ora!

Curiosità

Il Sentiero 410 è conosciuto principalmente come Passeggiata Indro Montanelli, in onore dell'omonimo giornalista, che amava camminare lungo questo percorso durante le sue vacanze estive a Cortina.

Montanelli non è l'unico scrittore famoso ad essersi innamorato di Cortina, anche Ernest Hemingway ne rimase colpito, tornandoci diverse volte. Pernottava all'Hotel de la Poste, e prendeva sempre la camera 107 che, in suo onore, viene mantenuta inalterata.

Se avete deciso di visitare Col Druscié potreste aver visto l'Osservatorio Astronomico intitolato a Helmut Ullrich. Ad oggi la struttura, gestita da astrofili, vanta la scoperta di 40 supernovae ed un pianetino, chiamato Cortina d’Ampezzo.

Il Bacino artificiale Po' Druscié, con la sua profondità di dieci metri ed un volume d'acqua di novantaseimila metri cubi, è il lago artificiale più grande d'Ampezzo. Viene utilizzato come riserva idrica per l'innevamento delle piste da sci durante la stagione invernale.

Esiste una variante più impegnativa di questa gita, che permette di raggiungere Cianderòu partendo da Fiames, proseguendo oltre il punto panoramico, fino a Forcella Posporcora. In questo caso, però, il tragitto diventa di quasi dodici chilometri, piuttosto faticoso. Se volete saperne di più potete leggere la pagina di seguito:

Gita da Fiames a Forcella Posporcora
Gita da Fiames a Posporcora Una gita da Fiames alla Forcella Posporcora, passando per i "Crepe de Cianderòu". 3h 30' - 12 km - Impegnativa
Fai una donazione
Aiutaci a restare senza pubblicità con una piccola offerta.Icona cuoreDona ora!

Come arrivare

Per raggiungere Piè Tofana , purtroppo, è necessario utilizzare l'automobile. La zona non è servita da autobus né corriere di linea. Una volta raggiunta la destinazione, è possibile parcheggiare nell'ampio piazzale gratuito. Di solito non è eccessivamente affollato, tranne che nei periodi di alta stagione, quando potrebbe essere consigliabile arrivare la mattina presto. Dal centro di Cortina, il parcheggio dista all'incirca quindici minuti di auto.

SR 48 15 minuti

Se non avete l'auto, l'unica alternativa per raggiungere Piè Tofana è quello di prendere un Taxi. Da Cortina il costo indicativo dovrebbe essere di 30€, ma il prezzo potrebbe variare molto, sia per la tipologia di mezzo utilizzato che per il numero di persone. Consigliamo sempre di chiedere prima un preventivo. E' possibile trovare i Taxi sia in Piazza Roma che alla Stazione delle corriere . Potete prendere contatto anche attraverso il sito ufficiale dei taxi di Cortina , dove potete richiedere di raggiungervi al vostro domicilio.

Taxi 25 minuti

Per qualsiasi dubbio possiate avere, potete consultare l'ufficio per le informazioni turistiche che si trova in centro.

Fai una donazione
Aiutaci a restare senza pubblicità con una piccola offerta.Icona cuoreDona ora!

Informazioni utili

La passeggiata Montanelli non è praticabile in inverno, perché il tragitto attraversa le piste da sci, su cui è vietato camminare a piedi. Di solito, i mesi più indicati per l'escursione sono quelli che vanno tra maggio e novembre. Si tratta di una stima leggermente cautelativa, ma purtroppo non è possibile sapere in anticipo quanto nevicherà e quando la neve si scioglierà.

Se decidete di mangiare in uno dei ristoranti descritti in precedenza, di solito le strutture sono aperte per gran parte dell'anno. Se non volete avere brutte sorprese, è sempre meglio telefonare prima. Nei momenti di bassa stagione per verificare l'effettiva apertura, nei periodi di alta stagione per prenotare un tavolo.

Anche se si tratta di una gita semplice, è sempre meglio usare un abbigliamento adeguato, a partire dalle calzature, che devono essere da montagna. Portate sempre con voi, in uno zaino, almeno un po' di acqua, qualcosa da mangiare e una giacca impermeabile. Se siete alle prime esperienze in montagna, vi consigliamo prima di tutto di leggere il nostro articolo su come affrontare un'escursione in sicurezza:

Camminare in montagna in sicurezza
Camminare in montagna Alcuni consigli per affrontare la montagna in modo sicuro e su come preparare lo zaino. Tempo di lettura: 8 min

Vogliamo sottolineare che, nel territorio di Cortina, ci sono alcune regole da rispettare. Le principali sono:

Fai una donazione
Aiutaci a restare senza pubblicità con una piccola offerta.Icona cuoreDona ora!

Conclusione

Sperando che questa passeggiata, da Piè Tofana a Cianderòu, conosciuta come sentiero Montanelli vi sia piaciuta, prima di salutarvi, vi ricordiamo che potete trovare altre bellissime escursioni, a Cortina e dintorni, cliccando quiLink interno .

Se volete ringraziarci potete farlo visitando la pagina SostieniciPiccolo cuore . Se, invece, volete suggerire una modifica, proporre qualcosa o farci solo un saluto, nella sezione Info e ContattiEmail icon troverete i diversi modi per raggiungerci.